Canzoni

L'ATTESA DEL SODLATO IN CONGEDO

Anno: 1954

Gruppo:

Testo: N. Bardelle
Musica: (Anonimo)

Menu


Noi siamo i soldati d'Italia
nessuno come noi ci eguaglia
ma qui siamo sempre in attesa
che arriva il congedo con grande ansietÓ.

Mia cara Teresina
che a casa stai aspettar,
manda una letterina
che mi consolerÓ
perchŔ qui ogni mattina
la sveglia sta suonar
di corsa gi¨ in cortile
ci attende il caporal.
Vieni congedo, non farmi sospirar
che al mio paesello la mamma sta
e pur la mia Teresa [aspettar
m'attende con ansietÓ
perchŔ mi vuol sposare
con gran felicitÓ.


Dopo avere firmato il congedo
verseremo noi tutto il corredo
partiremo cantando in diretto
che ognuno al paesello ci porterÓ.

Mia cara Teresina
che a casa stai aspettar,
manda una letterina
che mi consolerÓ
perchŔ qui ogni mattina
la sveglia sta suonar
di corsa gi¨ in cortile
ci attende il caporal.
Vieni congedo, non farmi sospirar
che al mio paesello la mamma sta
e pur la mia Teresa [aspettar
m'attende con ansietÓ
perchŔ mi vuol sposare
con gran felicitÓ.