Canzoni

CANZONE DELLE OSTERIE

Anno:

Gruppo:

Testo e musica: (Anonimo)

Menu


0
Osteria numero zero
ho visto un prete tutto nero
che con mille contorsioni
suona il piano coi coglioni
Dammela a me biondina,
dammela a me mora!

1
Osteria numero uno
in convento non c' nessuno
ma qui ci sono preti e frati
che s'inculano beati
Dammela a me biondina,
dammela a me mora!

2
Osteria numero due
le mie gambe fra le tue
le tue gambe fra le mie
fanno mille porcherie
Dammela a me biondina,
dammela a me mora!

3
Osteria numero tre
la Peppina fa il caff
fa il caff una volta al mese
con le pezze del marchese
Dammela a me biondina,
dammela a me mora!

4
Osteria numero quattro
la servetta ha rotto il piatto
per non dirlo alla padrona
se lo ficca nella mona
Dammela a me biondina,
dammela a me mora!

4.a
Osteria numero quattro
la Peppina ha rotto il piatto
e per non farlo vedere
se lo infila nel sedere
Dammela a me biondina
dammela a me mora!

5
Osteria numero cinque
c' chi perde e c' chi vince
ma chi perde caso strano
se lo trova dentro l'ano
Dammela a me biondina,
dammela a me mora!

6
Osteria numero sei
c' il casino degli ebrei
ma gli ebrei son porcaccioni
ficcan dentro anche i coglioni
Dammela a me biondina,
dammela a me mora!

7
Osteria numero sette
il salame si fa a fette
ma alle donne caso strano
il salame piace sano
Dammela a me biondina,
dammela a me mora!

8
Osteria numero otto
la marchesa fa il risotto
fa il risotto ben condito
con la sborra del marito
Dammela a me biondina,
dammela a me mora!

9
Osteria numero nove
i soldati fan le prove
fan le prove contro il muro
per veder chi l'ha pi duro
Dammela a me biondina,
dammela a me mora!

9.a
Osteria numero nove
le puttane fan le prove
fan le prove col prosciutto
per veder se ci sta tutto
Dammela a me biondina,
dammela a me mora!

10
Osteria numero dieci
se hai fame mangia i ceci
per la fica e per il culo
troverai sempre un padulo
Dammela a me biondina,
dammela a me mora!

20
Osteria numero venti
se la fica avesse i denti
quanti cazzi all'ospedale
quante fiche in tribunale
dammela a me biondina
dammela a me mora!

30
Osteria numero trenta
chi d il culo non si penta
oggigiorno caso strano
va di moda il deretano
dammela a me biondina
dammela a me mora!

67
Osteria sessantasette
le ragazze han le tette
han le tette da succhiare
e la fica per chiavare
dammela a me biondina
dammela a me mora!

80
Osteria numer'ottanta
la mattina il gallo canta
la mattina sul pi bello
s'alza pure il mio uccello
dammela a me biondina
dammela a me mora!

100
Osteria numero cento
se la fica andasse a vento
quanti cazzi in alto mare
imparerebbero a navigare
dammela a me biondina
dammela a me mora!

1000
Osteria numero mille
il mio cazzo fa scintille
fa scintille rosse e gialle
mi s'illuminan le palle
dammela a me biondina
dammela a me mora!
NUMERO ENNE
Osteria numero enne
il mio cazzo ha le antenne
quando inculo il sacrestano
sento radio Vaticano
dammela a me biondina
dammela a me mora!

ANTINFERNO
Osteria dell'Antinferno
s' incazzato il Padreterno
perch il suo divin figliolo
tornato con lo scolo
dammela a me biondina
dammela a me mora!

INVERTITO
Osteria dell'invertito
qui non metto neanche un dito
e per stare pi sicuro
me ne vado spalle al muro
dammela a me biondina
dammela a me mora!

MIGNOTTA
Osteria della mignotta
non vogliamo una bigotta
la vogliamo emancipata
e per giunta sverginat
dammela a me biondina
dammela a me mora!

PARADISO
Osteria del Paradiso
c'era Dante col sorriso
Beatrice, la sua donna,
gli tornata senza gonna
dammela a me biondina
dammela a me mora!

UOMO MATTO
Osteria dell'uomo matto
la marchesa aveva un gatto
con la coda del felino
si faceva un ditalino
dammela a me biondina
dammela a me mora!

VATICANO
Osteria del Vaticano
successo un fatto strano
Sua Eminenza con gli occhiali
s'inculava i cardinali
dammela a me biondina
dammela a me mora!

GALLO DORO
Osteria del gallo d'oro
il pi stronzo chi fa il coro
ma il pi stronzo della lista
colui che fa il solista
dammela a me biondina
dammela a me mora!

Note

La Canzone delle Osterie una ballata popolare in stile goliardico e irriverente, che si divide in strofe di quattro ottonari in rima baciata ciascuna, con cui viene castigato il malcostume, ma con una ripresa in cui il cantore evoca le personificazioni della Biondina Virt e della Mora Saggezza.
Non si conosce il periodo di composizione ne la versione originale, ne i suoi autori, vengono quindi riportate, in assenza di notizie pi circostanziate, le strofe conosciute, consci che possono essere di periodi diversi.