Canzoni

MAYNO DOVE MAI SARA'

Anno:

Gruppo: GIPO FARASSINO

Autori: Alberto Gozzi
Gipo Farassino Nico Orengo Romano Farinatti

Menu


Per mesi i francesi sono stati presi in giro,
tenuti sotto tiro
dalle imprese impudenti di Mayno e i suoi briganti.
La montagna Ŕ una gran matassa
di fili intrecciati dove non si passa,
una ragnatela sottile da salire con cautela,
fatta di fili e di mantella nera.

Di qui, di lÓ
Mayno dove mai sarÓ?
Lo vedono in tanti
lui e i suoi briganti
andare e venire,
scendere e salire,
Mayno appare
e qualcosa scompare.

Borghesi e francesi con l'occhio sbarrato
chiedono aiuto perchŔ il brigante venga catturato

Di qui, di lÓ
Mayno dove mai sarÓ?
Lo vedono in tanti
lui e i suoi briganti
andare e venire,
scendere e salire,
Mayno appare
ma nessuno parlerÓ

Laggi¨, lontano in Francia, Napoleone urla "Boia boia!"
e dalla testa si strappa la raviola
Bonaparte Ŕ di memoria buona,
Bonaparte non perdona
╚' stufo a non finire,
quel brigante finirÓ per farlo impensierire
Cosý con la mano nel panciotto
ai suoi generali fa un pistolotto

Di qui, di lÓ
Mayno dove mai sarÓ?
Lo vedono in tanti
lui e i suoi briganti
andare e venire,
scendere e salire,
Mayno appare
e qualcosa scompare.

Bonaparte Ŕ di memoria buona,
Bonaparte non perdona
Non c'Ŕ niente da dire, ma molto da fare:
Quel brigante deve scomparire
I servizi segreti sono giÓ infornati
e giÓ son travestiti da galli piumati, da buoni bambini,
e sparpagliati sorveglain le case, sorveglian le cose
Si buttano in caccia
ma di Mayno nessuna traccia.

Di qui, di lÓ
Mayno dove mai sarÓ?
Lo vedono in tanti
lui e i suoi briganti
andare e venire,
scendere e salire,
Mayno appare
e qualcosa scompare.

Napoleone riurla "Boia boia" ed in persona sceglie la persona
che ha l'occhio di triglia ma sa la guerriglia.
╚' un piccolo soldato dal genio moderato.
╚' un poco merlo ma poco tarlo
che rode, rade e poco ride.
E mentre Mayno lontano dorme sotto un pioppo
vicino al suo schioppo,
al suo uomo Napoleone
ordina di schiacciare Mayno sotto il tallone

Di qui, di lÓ
Mayno dove mai sarÓ?
Lo vedono in tanti
lui e i suoi briganti
andare e venire,
scendere e salire,
Mayno appare
e qualcosa scompare.

Note

Canzone dello spettacolo "Mantello, Stivali e coltello" di Alberto Gozzi e Nico Orengo, cantata da Gipo Farsssino.