Canzoni

FUOCO E PAGLIA, PAGLIA E FUOCO

Anno:

Gruppo: GIPO FARASSINO

Autori: Alberto Gozzi
Gipo Farassino Nico Orengo Romano Farinatti

Menu


Corre Maino,
corre per i prati
inseguito dai soldati:
lo vogliono ammazzar.
Scappa Maino,
scappa per i monti
lasciando due occhi
che brucian come lampi.

Fuoco e paglia, paglia e fuoco
in montagna non un gioco,
in montagna non un gioco, no.
Per dormire c' un gran letto,
un bel campo o una valle
col mantello stretto sulle spalle

Com' difficile trovare
qualche cosa da mangiare:
anche i grilli sono magri come spilli
e i serpenti si son fatti trasparenti.
Sono magri i contadini,
magri i polli e i tacchini,
anche il caldo raffreddato,
in montagna tutto il mondo raggelato

I due compagni,
magri come ragni
schiaffeggiano i fiumi
il bosco e la campagna.
Che brutta lagna,
si cerca una castagna,
lo stomaco gorgoglia,
vien buona anche una foglia

Fuoco e paglia, paglia e fuoco
in montagna non un gioco,
in montagna non un gioco, no.
Per dormire c' un gran letto,
un bel campo o una valle
col mantello stretto sulle spalle

Di tanto in tanto la brigata
da una buona salassata
alle tasche permalose dei ricconi.
A qualche pollo
pu saltare pure il collo,
ma son magri i contadini,
magri i polli e i tacchini
anche il caldo raffreddato,
in montagna tutto il mondo raggelato.

Note

Giuseppe Mayno della Spinetta, fu il pi noto tra i guerriglieri antigiacobini del Piemonte. Pi delle gesta di briganti antifrancesi come Barilot, Branda Lucioni, i fratelli di Narzole, Buffet, Buriet, i Cannatone,i Violetta, Dragon, Borgno, Sicarel, Vergine, Ragadin, Patpat, Cangiaso il Sanguinario,
Ratanuia e tanti altri, quelle di Mayno furono geste leggendarie, tanto da farlo chiamare "Il Re di Marengo". Dal Colle di Tenda al Nizzardo, nel Canavese e nell'Astigiano, i briganti piemontesi segnarono la prima rivolta italiana contro l'invasione napoleonica. Mayno, nato nel 1780 da una
famiglia di contadini, fu ucciso dai francesi nel 1806.

Canzone dello spettacolo "Mantello, Stivali e coltello" di Alberto Gozzi e Nico Orengo, cantata da Gipo Farsssino.