Canzoni

GLI ORRORI DELLA GUERRA EUROPEA

Anno: 1914

Gruppo:

Testo: Domenico Scotuzzi
Musica: (Anonimo)

Menu


Mentre ferve la guerra crudele
ed ovunque ancor romba il cannone
noi sentiamo una gran compassione
pei caduti nel truce duell.
Compiangiamo i congiunti dei forti
che lasciaron la vita innocenti
l sui campi in conflitti cruenti
che i civili non san compatir.

Sotto Liegi nel Belgio e sul Reno
son periti a migliaia i soldati
dai fucili e cannon fulminati
e un orribil macel si comp
L nei Vosgi, in Alsazia e in Lorena
fra i tedeschi e le truppe alleate
queste lotte si son replicate
e la vittoria alla morte tocc.

E la Serbia con l'Austria ancor pugna
senza tregua e nessuna pietade,
e il Cosacco la Prussia ne invade
dall'oriente e qual freccia sen va.
Va abbattendo qual carro falcato
ogni ostacol che intralcia il cammino
e il nemico fuggente e tapino
e che muore o si d prigionier.

Il Montenegro pur pigna e bombarda
con fragor gli Austriaci porti
e coi Serbi han giurato quei forti
di domar l'Imperiale poter.
Non pensando alle mogli n ai figli
lor si spingon furenti in battaglia
mentre romba il cannone a mitraglia
messaggero di morte e d'orror.

E le navi Francesi e Brittane
coi navigli del grande Giappone
prendon parte alla fiera tenzone
e minacciose lor solcano i mar.
Dan la caccia alle navi nemiche
e le colano a fondo sventrate,
e quell'onde spumanti e arrossate
son la tomba di tanti meschin.

Noi speriam che il consorzio civile
ponga fine al duello inumano
e la Pace l'invita sua mano
freni gli odi e le stolte ambizion.
E sul mondo risplendi quel Sole
che fecondi un felice avvenire
e che ognun possa alfin benedire
chi d'Eguaglianza fu araldo e dett.

Note

Soggetto della canzonetta: I Guerra Mondiale (28/07/1914 - 11/11/1918).