Canzoni

ME IDEAL

Anno: 1906

Gruppo:

Testo: Giacinto Ferrero
Musica: Ermenegildo Carosio

Me ideal na casta tranquila,
un bel n con pogieul e giardin;
vive sol, tut lann sol, mach con chila,
l pi bel, l pi brav dij ratin!

Bive laria che chila a respira,
poponela parj d na masn;
sospir se me amor a sospira
pior ansema sa l sagrin.

Va canson bela, dsijlo ti
che i penso a chila la neuit e l d.
Disje chi seugno lora e l moment
d podjla cheurve d basin ardent!


Me ideal? un ratoj, na morfela
da pi un fuda e mangesse d basin;
un-a csa da gnente, ma bela,
con jeuj nir e l sguard assassin!

Frse nautr, indiscret, a seugnra
le richsse, la glria, ij onor;
mi m contento d n pch d poesa
dun basin, d na carssa, d na fior!

Va canson bela, dsijlo ti
che i penso a chila la neuit e l d.
Disje chi seugno lora e l moment
d podjla cheurve d basin ardent!

Note

TRADUZIONE IN ITALIANO

I
Il mio ideale una casetta tranquilla, / un bel nido con balcone e giardino; / vivere solo, tutto lanno solo, solo con lei, / il pi bello, il pi bravo dei topolini!
Bere laria che lei respira, / coccolarla come una bimba; / sospirare se il mio amore sospira / piangere insieme se addolorata.

II
Il mio ideale? un topolino, una mocciosa / da prendere in grembo e mangiarsi di baci; / una cosa da niente, ma bella, / con gli occhi neri e lo sguardo assassino!
Forse un altro, indiscreto, sognerebbe, / le ricchezze, la gloria e gli onori; / io mi accontento di un po di poesia / di un bacio, di una carezza, di un fiore! //

Rit.
Va canzone bella, diglielo tu / che penso a lei la notte e il giorno. / Dille che sogno loro e il momento / di poterla coprire di baci ardenti!