Canzoni

LA GIORNATA DEL SOLDATO

Anno:

Gruppo:

Testo e musica: (Anonimo)

Menu


Alla mattina bonora, oilè
si sente una trombetta, oilà
sona la sveglia in fretta
e chi si veste e chi si lava
chi si prepara per l'istruzion.

Dopo tre quarti d'ora, oilè
si sente l'adunata, oilà
si esce in camerata
e zaino in spalla, fucile in mano
e la boraccia e il tascapan.

Quando giù nel cortile, oilè
comincia l'istruzione, oilà
si formano i plotoni :
in su l'attenti, dest' riga, fissi,
un gran silenzio bisogna far!

Com'è composto il rancio, oilè
riso e patate crude, oilà
minestra con verdure
e su allegri cari compagni
che mosche e ragni dobbiam mangia!

Poi alla cinque in punto, oilè
sento sona l'avanti, oilà
si sorte tutti quanti
e senza un soldo, senza tabacco,
si batte il tacco per la città.

E alle nove in punto, oilè
sento sonà il silenzio, oilà
sergente d'ispezione :
« Fate silenzio, o marmittoni,
se no vi sgnacco alla prigion ! »

Poi passa una mezz'ora, oilè
piove che Dio la manda, oilà
si pianta lì la branda,
le scarpe in mano, salta la barra,
la sua morosa si va a trova.

A mezzanotte in punto, oilè
torni nello stanzone, oilà
tenente d'ispezione :
« Dove sei stato o marmittone ?
Sta consegnato per trenta dì ! »

Note

La canzone fu molto popolare e vi furono successive versioni:



N.R.



LA GIORNATA DEL SOLDATO [Variante]



Periodo



Regno d'Italia



N.R.



A LA MATIN BONORA [II Guerra Mondiale]



Periodo



II Guerra Mondiale