Canzoni

CANZONI TRIESTINE

Anno: 1919

Gruppo:

Testo: (Anonimo)
Musica: Angelo Scalmana

Menu


NO STEME A TORMENTAR

Fazzo l'amor, xe vero,
Cossa ghe xe de mal ?
Vol che a quindise ani
Stia la come un coca! '
Se tuto el santo giorno
Sfadigo a lavorar,
Xe giusto che la sera
Me fazzi compagnar.
Fazzo l'amor, xe vero
No steme a tormentar.

Vado a nudar sicuro
Cossa ghe xe de mal
Con sto tantin de caldo
Xe pi che naturai
Go el vestitin setado
E se anche i voi guardar
Non son cussi mal fatta
De averme a vergognar
Vado a nudar sicuro
No steme a tormentar.

Vado a baiar xe .vero,
Cossa ghe xe de mal ?
Saltar al et mia
No xe un pec. mortai.
Se gira e se se sburba
E se se fa strucar,
Se torna a casa morte
E in pie no se poi star
Vado a baiar xe vero,
No steme a tormentar.

Va su e z pel Corso
Cossa ghe xe de mal ?
Go el moro eh' el me speta
Tacca sotto el feral.
El xe una macia, el scherza
No -'l fa che stuzigar,
No '1 voi che sti dedini
Se stanchi a lavorar
Vado su e z pel Corso
No steme a tormentar.

Vado al veglion, sta sera
Cossa ghe xe de mal ?
Son giovine, son bela
E semo in carneval.
In mascara, se ridi
A farli barilar
E a qualchedun la zena
Se ghe la poi scrocar.
Vado il veglion, sta sera
No steme a tormentar.

Son vecia e son in tochi
Questo ghe xe de mal
Me tocar capisso
Finir al ospedal Purtropo go finido
De farme cocolar,
E za che no i me guarda
Me sfogo a tabacar
Ma chi bazila mori
No steme a tormentar.


LA LEGA NAZIONAL

Viva Dante, il gran maestro
Dell'italica favella
Della lingua la pi bella
Che dall'Alpi echeggia al mar
Contro chi ghe move guerra
Oggidi che la protegge
Col permesso de la legge
Xe la Lega Nazional.

Ne la lingua del paese
Che da secoli se parla
E xe stolto chi cambiarla
Con un'altra ga el pensier
Chi ga patrio amor in petto
Col far parte d'un suo gruppo
Ghe dar maggior sviluppo
A la Lega Nazional.


LE COTOLE STRETE.

Xe tuto sforzi inutili, ti ga cossa sufiar
Le cotole sto ano, no ti le poi alzar;
Ti zerchi el lato debole, fis'ciando in tutt' i ton
Ma ti fa fiasco cocola, sbassa resta el tendon!
La moda xe cambiada, ti cichi ben te sta,
Bisogna alzar con tatica e no tutto in un fi,
Ma ti che zo dai monti, ti vien a tombolon,
Se vede che te manca maniera e educazion!
Con tuta la bora, le gira qua e l,
Le bele donete che strenta la g!
La moda sta volta xe stada moral
Po i dixi eh' el mondo va sempre pi mal.

Quando se usava i carci, per ti era un piazer,
De alzarli come globi e el sconto far veder,
Ma adesso sto spetacolo a gratis non xe pi
E quanti se godeva, guardar da soto in su!
Le mule zerte volte, per voja de burlar,
Le cotole dal vento le se fazeva alzar
E quando su al Boscheto le andava a far l'amor,
Nel imitar le siore, le se fazeva onor.
Con tuta la bora, le gira qua e l,
Le bele donete che strenta la g!
La moda sta volta xe stada moral
Po i dixi eh' el mondo va sempre pi mal.

Se al mondo i nostri noni i podaria tornar,
I pensaria de zerto, che semo da ligar
Le siore sute, sute, con tanto de capei
I podaria confonderle con qualche novo usel
Come che tuto cambia, no ghe xe cossa dir
I gusti, le abitudini, la moda de vestir
Pur una cossa sola, zerto no poi cambiar
La nostra bela lingua che ognun fa inamorar.
Con tuta la bora, le gira qua e l,
Le bele donete che strenta la g!
La moda sta volta xe stada moral
Po i dixi eh' el mondo va sempre pi mal.

Note

Raccolta delle canzoni:
- No steme a tormentar (Parole e Musica di Bruno Guisa)
- La Lega Nazional
- Le cotole strete.