Canzoni

LA CANZONE DEI CONGEDATI

Anno: 1918

Gruppo:

Testo e musica: (Anonimo) |

Menu


Ufficiale, Ufficiale di picchetto
sulla porta del quartiere
sona sona trombettiere
l'adunata dei congeda.
Congeda, congeda, col fagott a l man.

Salta fuori, salta fuori una caplla
tutta sporca e scalcinata
cosa 1' questa suonata
La sonata dei congeda.
Congeda, congeda, col fagott a l man.

Ohi! capellone vieni, a pied'arme
presentat'arme non lo sai fa
non lo sai fare come prescritto
brutto coscritto vatti ammazza !
Congeda, congeda, col fagott a l man.

Ohi! congedanti un passo avanti
se un'altra firma volete fa...
No! Non e' e n firma n firmamento
questo il momento e a casa si va.
Congeda, congeda, col fagott a l man.

Quando saremo alla stazione
che confusione che ci sar !
tutti diranno Cosa successo ?
'97 va Congeda (1)
Congeda, congeda, col fagott a l man.

Ohi ! Macchinista metti il carbone
quel macchinone fallo vola
Fallo volare come il diretto
che al mio distretto voglio torna.
Congeda, congeda, col fagott a l man.

Note

(1) l'anno pu variare a seconda degli scaglioni che hanno intonato il brano.



Canto nato ala fine della prima guerra mondiale, si poi diffuso nelle caserme diventando la canzone intonanata dai congedanti. Il canto, come avviene per tutti i canti popolari stato variato, modificato, a seconda del periodo o di chi lo cantava:



1919



LA CANZONE DEI CONGEDATI ('98)



Periodo:



I Dopoguerra



N. R.



LA SONADA DEI CONGEDA'



Periodo:



Dopoguerra