Canzoni

L'AVAMPOSTO

Anno: 1995

Gruppo: LEO VALERIANO

Testo e musica: Leo Di Giannantonio |

Lui chiuse gli occhi sull'avamposto
e gli spuntava un fiore,
come un papavero al sole d'agosto,
nel petto, proprio sul cuore.

Poi dal giubbotto gli cadde qualcosa
che luccic˛ in quel momento
in mezzo al fango di terra sabbiosa,
in un turbinio di vento.

Forse la paga di un volontario
in una terra straniera:
una moneta per un mercenario
caduto senza preghiera.

Chi la cerc˛ dopo quella battaglia
nell'acqua in mezzo al canale
trov˛ soltanto una vecchia medaglia,
compensoper un ideale.

Con gli occhi chiusi e sul volto un sorriso
lui regal˛ la sua storia...
gli si leggeva ancra sul viso
il sogno della vittoria.

Cadde al suono dell'ultimo sparo
in una illogica guerra.
Nel suo giubbotto non c'era danaro:
ma solo un pugno della sua terra.