Archivio dei canti tradizionali e patriottici

 

Canzoni

INNO AI FRATELLI D'AFRICA

Anno 1911
Raccolti in un grido e da una bandiera,
infine si compion le italiche sorti!
Finita è l'Italia dei fiacchi e dei morti,
risorge di nuovo l’Italia guerriera.

Iddio e la Natura ci dièr per confini,
coll'Alpi in difesa, due deboli mari;
ebbene, impediamo ì nostri avversari
che all'onda tirrena sian troppo vicini.

All' armi, fratelli!
Sull’africo suolo
un nobile stuolo
per noi vince e muor!


Le vigili scolte, sui libici lidi,
difendon l'onore del nostro paese;
antiche o recenti, riparan le offese
di aperti nemici o amici malfidi.

Attaccano un sozzo mercato di schiavi,
i fumi disperdono di nera barbarie,
e, in mezzo alla ridda di turbe contrarie,
discendon gloriosi di sopra le navi.

All' armi, fratelli!
Sull’africo suolo
un nobile stuolo
per noi vince e muor!


Volgiamo gli occhi, col cuore commosso,
ai baldi soldati in Africa accorsi;
laudiamo un saluto, mandiamo soccorsi
ad ogni guerriero dai Turchi percosso.

È nobile e santo l'amor delle genti,
ma santo è pur quello del luogo natio,
e chi pone questo per l’altro in oblio
prepone alla madre lontani parenti.

All' armi, fratelli!
Sull’africo suolo
un nobile stuolo
per noi vince e muor!
Autore - Tito Zanardelli- Filippo Codivilla

Associazione Culturale Lorien - Archivio storico delle musica alternativa e identitaria italiana e straniera.
email: aclorien@lorien.it.

Utenti online