Archivio dei canti tradizionali e patriottici

 

Canzoni

A 'TTOCCHI A 'TTOCCHI

Anno
A 'ttocchi a 'ttocchi la campana sona
li Turchi so' rivati a la marina
chi ci ha le scarpe rotte l'arrisola
le mie l'ho risolate stammatina.

Come te pozz’mą
come te pozz'amą
s'esco da 'sti cancelli
quarcheduno l'ha da pagą.

S'er Papa me donasse tutta Roma
e me dicesse «Lassa anną chi t'ama»
e me dicesse «Lana anną chi t'ama»
io je direbbe «No sacra corona»

Come te pozz’mą
come te pozz'amą
s'esco da 'sti cancelli
quarcheduno l'ha da pagą.

Amore amore mandante 'n saluto
che sto' a Regina Coeli incarcerato
da antichi e da parenti abbandonato
son com'un pover arbero sparuto.

Come te pozz’mą
come te pozz'amą
s'esco da 'sti cancelli
quarcheduno l'ha da pagą.

A 'ttocchi a 'ttocchi la campana sona
li Turchi so' rivati a la marina
viva li Monticiani, evviva Roma
riva la gioventł tresteverina.
Autore - (Anonimo)
Canto di carcere romano, conosciuto anche con il titolo "Alla Renella" (via diTrastevere), presente in molte raccolte ottocentesche, ed č diffusa in tutta l'area centro-meridionale.
Una versione assai simile a questa č pubblicata da Gigi Zanazzo in Canti popolari romani, Torino, Sten, 1910. Il nome del carcere č perņ quello di San Michele.

Associazione Culturale Lorien - Archivio storico delle musica alternativa e identitaria italiana e straniera.
email: aclorien@lorien.it.

Utenti online