Archivio dei canti tradizionali e patriottici

 

Canzoni

'A CITTA' 'E PULECENELLA

Anno 1989
T’accumpagno vico vico
sulo sa te ca si n’amico
e te porto pe’ quartiere
addo’ o sole nun se vere
ma se vere tutt’o riesto
e s’arapeno e feneste
e capisce comm’e’ bella
A CITTA’ e Pullecenella
comm’e’ bella
comm’e’ bella
a citta’ e Pullecenella
comm’e’ bella
comm’e’ bella
a citta’ e Pullecenella
me dispiace sulamente
ca l’orgoglio e chesta gente
se murtifica ogni iuorno
pe na manica e fetiente
ca nun teneno cuscienza
e nun teneno rispetto
comme fanno a piglia’ suonno
quanno e’ a sera dint’o lietto
dint’o lietto dint’o lietto
quanno e’ a sera dint’o lietto
dint’o lietto dint’o lietto
quanno e’ a sera dint’o lietto
E mo te porto a Margellina
sempe ca nun tiene fretta
verso e cinque d’a matina
quann’o traffico o permette
cca’ e’ permesso tutte cose
no pecche’ tiene o diritto
ma pecche’ s’e’ sempe fatto
e sultanto pe dispietto
pe’ dispietto pe’ dispietto
e’ sultanto pe’ dispietto
pe’ dispietto pe’ dispietto
e’ sultanto pe’ dispietto
me dispiace sulamente
ca l’orgoglio e chesta gente
se mortifica ogni juorno
e nuie ce mettimmo scuorne
ma nisciuno po fa niente
ce a zucammo a caramella
comm’e’ ddoce e comme e’ bella
a citta’ e Pullecenella
Comm’e’ ddoce e comme e’ bella
a citta’ e Pullecenella
Comm’e’ ddoce e comme e’ bella
a citta’ e PullecenellaIo ca songo musicante
e me sento furtunato
canto e sono sono e canto
chesta bella serenata
e pecche’ so’ nnammurato
pecche’ forse ce so’ nato
ma vedite comm’e’ bella
a citta’ e Pullecenella
Comm’e’ bella comm’e’ bella
a citta’ e Pullecenella
Comm’e’ bella comm’e’ bella
a citta’ e Pullecenella
Comm’e’ ddoce e comme e’ bella
a citta’ e Pullecenella
Comm’e’ ddoce e comme e’ bella
a citta’ e Pullecenella
Autore
E' una canzone dedicata a Napoli, scritta da Claudio Mattone per il film Scugnizzi del 1989. Nel 1990 gli è valsa la vittoria del David di Donatello per la migliore canzone originale, ed assieme ad altre canzoni del musical è considerata un classico della canzone napoletana.
Il testo della canzone denuncia il malaffare che "mortifica" la città, a fronte delle tante bellezze di Napoli:
La canzone fa parte dello spettacolo Ritorna Piedigrotta (1992) di Egidio lo Giudice e del musical di Enrico Vaime e dello stesso Mattone C'era una volta…Scugnizzi (2002), che rappresenta lo scontro ideologico tra due giovani napoletani cresciuti insieme: diventati grandi, il primo si dedica ad aiutare i ragazzi del quartiere, l'altro diventa camorrista.
La canzone ha riscosso enormi successi negli anni, viene spesso eseguita anche da musicisti di strada, ed è stata cantata da alcuni dei principali interpreti della canzone napoletana, come l'Orchestra Italiana di Renzo Arbore, Neri per Caso, Mario Merola, Mirna Doris e per ultimo anche Gigi D'Alessio, che la ha inserita in un album del 2015.

Associazione Culturale Lorien - Archivio storico delle musica alternativa e identitaria italiana e straniera.
email: aclorien@lorien.it.

Utenti online