Archivio dei canti tradizionali e patriottici

 

Canzoni

INNO A SAN MANGANELLO

Anno 1922
O tu santo Manganello,
tu patrono saggio e austero,
più che bomba e che coltello
coi nemici sei severo ;

Di nodosa quercia figlio
ver miracol opri ognor,
se nell'ora del periglio
batti i vili e gl'impostor.

Manganello, Manganello
che rischiari ogni cervello,
sempre tu, sarai sol quello
che il fascista adorerà


Stretto in fascio con l'accetta,
sei l'emblema di giustizia,
porti il senno e mai vendetta
dove impera la nequizia ;

Se la falce ed il martello
simbol sono d'odio fier,
tu proteggi ogni fratello
dal vigliacco e dal negrier

Manganello, Manganello
che rischiari ogni cervello,
sarai tu sempre il suggello
che consacra la viltà.


Da Bolzano al Mongibello,
dal Quarnar fino al Ticino,
taumaturgo Manganello
più di Dante sei divino,

il tuo rude, chiaro idioma
dell'italico sentir
a una bestia anche da soma
la ragione fa capir.

Manganello, Manganello
che rischiari ogni cervello,
mai la falce ed il martello
su di te trionferà


Dove è nato Garibaldi,
dove è morto Corridoni,
disertori nè ribaldi
non saranno mai padroni ;

cinquecentomila morti
impongono il dover,
di non tollerare i torti
che alla Patria fa un stranier

Manganello, Manganello
che rischiari ogni cervello,
ogni eroe dal suo avello
l'opra tua benedirà.
Autore - Ugo D'Agna- Giuseppe Blanc

Associazione Culturale Lorien - Archivio storico delle musica alternativa e identitaria italiana e straniera.
email: aclorien@lorien.it.

Utenti online