Archivio dei canti tradizionali e patriottici

 

Canzoni

INNO ALLA BANDIERA DEL 36° FANTERIA

Anno 1906
Su i campi fecondi di vene'a terra
Dinanzi alla stesa del siculo mar
Corresti esultante al gridi di guerra,
Al ve:.to spiedata corresti a pugnar.

Te in testa alle schiero, te prima al cimenta
Il fuoco tremendo fermar non potè,
Gloriosa Bandiera! Il tuo Reggimento
Quel giorno la. messe di gloria mietè.

Tu nel rosso portavi l'ardore - che infiammava quei giovani petti;
Il tuo banco diceva l'onore - di quei patti dai quali siam stretti;
E nel verde tuo terzo color - la speranza che vive nei cuor.


Seguendoti lieti i baldi soldati,
Qual fiume irruente che ostacol non sa,
Cacciaror tiranni e principi odiati,
Col sangue compraron la tua libertà

Passato il servaggio, sul cielo alpino
Ridesti, o Bandiera, dai vivi color;
Fosti arra di pace al popol latino,
Fosti arra di pace, di fede e di amor.

Tu nel rosso portavi l'ardore - che infiammava quei giovani petti;
Il tuo banco diceva l'onore - di quei patti dai quali siam stretti;
E nel verde tuo terzo color - la speranza che vive nei cuor.


A te che vedesti una triste giornala
D' epiche lotte, e gioie e dolor,
La Patria, redenta alfine, fu grata,
Ti diede una bronzea medaglia al valor.

A ben nobil prova tu or sei chiamata,
I nuovi soldati s'inspirano in te,
Che simbolo sei della Patria salvata
Per opra del popolo unito al Gran Re.

Tu nel rosso portavi l'ardore - che infiammava quei giovani petti;
Il tuo banco diceva l'onore - di quei patti dai quali siam stretti;
E nel verde tuo terzo color - la speranza che vive nei cuor.
Autore - Mario De Meo- (Anonimo)

Associazione Culturale Lorien - Archivio storico delle musica alternativa e identitaria italiana e straniera.
email: aclorien@lorien.it.

Utenti online