Archivio dei canti tradizionali e patriottici

 

Canzoni

INNO DEI LAVORATORI FASCISTI (Beretta)

Anno 1927
Fra cinghie e volanti,
rumor di catene ;
fra macchine ansanti,
fischiar di sirene ;

nel ritmico moto
stridente, serrato
di tutto il creato
nel libero ardor;

la Voce del canto
riscossa sarà :
« col DUCE e pel DUCE
eja, eja, alala! ».


Per noi, che l'ingrata
materia più grezza
vien tosto plasmata
d'un lampo si spezza ;

per noi, che nei polsi
stringiamo gli acciari,
coi dorsi e le nari
che fumano ognor;

sui Venti gagliardo
lanciato sarà
quel canto di gloria
per ogni città.


Non più sfruttatori !
Non più chi ha rubato
dei nostri sudori
il pane bagnato ;

chi Volle nel sangue
l'amor soffocato
e che calpestato
ne fosse l'onor;

o chi di un domani
- che il sol non vedrà -
promesso ha l'inganno
con arte e viltà!


Di stolte promesse
fu Vana l'attesa;
sol l'odio sorresse
la nostra contesa.

Spezziam le catene
del nostro servaggio:
al Duce, all'Uom saggio
leviamo la man.

Su chi, queste masse
tradire oserà
la nostra Vendetta
tremenda cadrà.


La fede giuriamo
nei sacri destini,
d'Italia vogliamo
sicuri i confini.

L'ardente passione
nel puro ideale già
brilla immortale e
inneggia al laVor.

SIAM FORTI, SIAM BALDI,
SIAM FIGLI D'EROI ;
FASCISTI D'ITALIA
L'ITALIA È CON NOI!
Autore - Mario Beretta- Antonio Triventi

Associazione Culturale Lorien - Archivio storico delle musica alternativa e identitaria italiana e straniera.
email: aclorien@lorien.it.

Utenti online