Archivio dei canti tradizionali e patriottici

 

Canzoni

ALLA PATRIA

Anno 1915
Fratelli, avvampa la patria
nel vento delle bandiere:
d'ogni strumento di artiere
un'arma vindice usc.
Salde milizie d'un popolo
sorto sui vecchi tiranni,
noi seminammo negli anni
questo titanico d.

Squillino, squillino, squillino
le nostre balde fanfare,
unendo i vertici al mare,
il fiero popolo al Re.


Oh non intiero dai liberi
venne compiuto l'evento!
C'era l'esilio di Trento,
c'eri, Trieste, pur tu.
Noi che solcammo di valichi
ogni contrada alla terra,
or, pionieri di guerra,
farem le strade lass.

Librati, librati, librati,
aviatore, nel sole!
Guida l'Italia, che vuole
tutti i suoi monti per s!


Fugga la truce Bicipite,
vinta dal Brennero a Pola,
dove l'invitta parola
di Dante padre gi sta:
e il flutto alterno dell'Adria,
fra le due gemine arene,
baci l'Italia se viene,
baci l'Italia se va.

Cantino, cantino, cantino
voci di valli e di chiese
questo sereno paese
che la natura ci die.


Dio che t'investi nel popolo
come aquilone in foresta,
sorga l'Italia ridesta
quale il tuo cuor la cre.
Tutta una fede l'Italia,
tutta un clangor di vittoria!
Fra la natura e la storia
essa il gran patto segn.

Rondine, rondine, rondine,
va, nunziatrice aspettata,
l dove Italia gi nata
ancora Italia non .
Autore - Giovanni Bertacchi- Riccardo Zandonai
Inno popolare

Associazione Culturale Lorien - Archivio storico delle musica alternativa e identitaria italiana e straniera.
email: aclorien@lorien.it.

Utenti online