Archivio dei canti tradizionali e patriottici

 

Canzoni

AVEVO UN CAMERATA

Anno 1944
Avevo un camerata,
il migliore era tra noi.
Accanto a me, ridente e fier,
lo vedo ancor marciar nel sol.

Una palla sibilando
tra di noi passò. Per chi?
Per me? Per te? Via lui portò!
A terra cadde e sanguinò.

Gloria! Gloria! Gloria! Vittoria!
Nel suo cuor, lo so, porta chiusa in sé la Patria.
Nel suo cuor, lo so, porta chiusa in sé la Patria.
Gli uccelli nel bosco cantavan festosi a noi così:
nella Patria, nella Patria un dì ci rivedrem.

Vuol tendermi la mano
mentre sto per caricar.
- Compagno, sto per caricar,
non posso darti la mia man -.

Gloria! Gloria! Gloria! Vittoria!
Nel suo cuor, lo so, porta chiusa in sé la Patria.
Nel suo cuor, lo so, porta chiusa in sé la Patria.
Gli uccelli nel bosco cantavan festosi a noi così:
nella Patria, nella Patria un dì ci rivedrem.
Autore - (Anonimo)- Friedrich Silcher
Versione italiana di “In der Heimat da gibt’s ein wiedersehn” (“Ich hatt’einen Kameraden”), musica originale di Friedrich Silcher, 1825. Pubblicato in “Canti della Divisione Littorio”, P.J. Tonger Musikverlag, Köln am Rhein, 1944 - XXII

Associazione Culturale Lorien - Archivio storico delle musica alternativa e identitaria italiana e straniera.
email: aclorien@lorien.it.

Utenti online