Archivio dei canti tradizionali e patriottici

 

Canzoni

INNO GIOVANI FASCISTI

Anno
Fatece largo che passarne noi
E li squadristi de st’Italia bella
Da tutti senti dì sti gran terrori
Perché lo sanno ch'er Fascismo qua
C'è mpara ad ama er Duce a lavora

E noi semo li squadristi
Questo nome è proprio vero
Perché noi cor manganello
Abolirne gnì mistero
E perciò noi semo quelli
che l'aripetemo in coro
Per Benito Mussolini
Eja, Eja, Alala.


Er ciuffo Giallo e Rosso
Che portarne er simbolo de Roma nostra bella
Perché lo senti di dar monno sano
Ch'er Duce piano piano ingrandirà
E manco Cristo ce la pò tocca.

E noi semo li squadristi
Questo nome è proprio vero
Perché noi cor manganello
Abolirne gnì mistero
E perciò noi semo quelli
che l'aripetemo in coro
Vìva er Duce e Roma bella
Eja, Eja, Alala.


Passamo inneggianno er gagliardetto
Chiunque che c'encontra lo saluta
Perché c'è là donato er nostro Duce
E tutti noi lo famo rispettà.
E sempre Avanti Lui ce porterà.

E noi semo li squadristi
Questo nome è proprio vero
Perché noi cor manganello
Abolirne gnì mistero
E perciò noi semo quelli
che l'aripetemo in coro
Viva er Duce l'Italia bella
Eja, Eja, Alala.
Autore - Olivieri Vincenzo- (Anonimo)
Il testo è stato scritto sulla musica del canto popolare romano di fine '800, "La Società de li magnaccioni"

Associazione Culturale Lorien - Archivio storico delle musica alternativa e identitaria italiana e straniera.
email: aclorien@lorien.it.

Utenti online