Archivio dei canti tradizionali e patriottici

 

Canzoni

GLORIA DI ROMA

Anno 1930
Il popolo di Roma fu svegliato un mattino
dal fulgido chiarore d’una stella.
Lo spirito mai domo dei romani un destino
presago di splendore estese a quella.
E giunsero le “Fiamme Nere”
Per vincere o morire quelle schiere.
Giuraron fedeltà al Condottiero,
l’impavido lor Duce, “Cuor sincero”
Che in ogni sua battaglia più gloriosa
ha fede in “Giovinezza” si ardente e vittoriosa!

La gloria di Roma è gloria immortale.
Sol Roma imperiale ha fasti e splendor.
O terra d’Eroi, sei ricca di storia,
quest’era di gloria il Duce creò!


Cesare è tornato nella Roma imperiale
e domina il potere incitatore.
Or l’Aquila rivive dell’antico suo splendore
coi “Fasci” e le “Milizie” pien d’ardore.
E la “Camicia Nera” ovunque appare,
un canto s’ode allor dall’Alpi al mare.
Ai Martiri Fascisti ognun s’inchina,
il Labaro glorioso li avvicina.
La madre d’ogni popolo è sol Roma,
la “Lupa” generosa di gente forte e indoma!...

La gloria di Roma è gloria immortale.
Sol Roma imperiale ha fasti e splendor.
O terra d’Eroi, sei ricca di storia,
quest’era di gloria il Duce creò!


Siam figli d’Italia
fedeli e pur forti,
la balde “Coorti”
che il Duce gloriò!..
Autore - Nicola da Bari- G. Cazzulani- A. Badiali

Associazione Culturale Lorien - Archivio storico delle musica alternativa e identitaria italiana e straniera.
email: aclorien@lorien.it.

Utenti online