Archivio dei canti tradizionali e patriottici

 

Canzoni

AFRICANELLA

Anno 1935
Sbarcano i reggimenti
nell'Africa laggiù
passa d'Italia er fior de' gioventù;
fanti e camicie nere
e vanno pe' porta
tutta 'na fiamma nova de civiltà!
L'aria de 'na canzone fa le truppe marcia
e ogni sordato canta:

Se venghi a Roma co' me,
Africanella,
io vojo fatte vede
si quanno è bella!
A li Castelli laggiù
te vojo co' me porta
pe' fatte arillegrà!
E quanno notte sarà,
Africanella,
in romanesco parla te sentirò!
Er sartarello co' te
me vojo 'mparà a balla
cor jazz-band!
Se venghi a Roma co' me
contenta dovrai resta!

Mentre tramonta er sole
ogni pensiero va
a chi c'aspetta e tanto lontano sta!
Mamma pe' me nun piagnere
perché s'er Duce vo'
nessuno er passo nostro ferma ce po'!
Tutto è silenzio intorno ma chi pensa a dormì
canta ogni cote così:

Se venghi a Roma co' me,
Africanella,
io vojo fatte vede
si quanno è bella!
A li Castelli laggiù
te vojo co' me porta
pe' fatte arillegrà!
E quanno notte sarà,
Africanella,
in romanesco parla te sentirò!
Er sartarello co' te
me vojo 'mparà a balla
cor jazz-band!
Se venghi a Roma co' me
contenta
Autore - Ennio Neri- L. Martelli- Gino Simi

Associazione Culturale Lorien - Archivio storico delle musica alternativa e identitaria italiana e straniera.
email: aclorien@lorien.it.

Utenti online