Archivio dei canti tradizionali e patriottici

 

Canzoni

A LA MATIN D' BÔN'ÔRA

Anno 1915
A la matin d' bòn'óra a 'n fan leve
a n' portò ' 'n piassa d'armi a fé 'nstrussiòn
a n' fan marce 'n avanti e'peu 'n dare
e a nóiaótri povri Alpini fan mal i pé.

Sai nen perché
fa mal ai pé,
sai nen 'm a l'è
a s' marcia mal sui marciapé.


Festa del reggimento, rancio special
a n' dan la pasta sùta senssa '1 formai
a n' dan d' coi salarnini ch'a n' fan sté mal
e nói marcòma visita a l'indòman.

Sai nen perché
fa mal ai pé,
sai nen 'm a l'è
a s' marcia mal sui marciapé.
Autore - (Anonimo)
Traduzione:
La mattina ci fanno alzare di buonora, / ci portano in piazza d armi a fare le istruzioni, / ci fanno marciare in avanti e poi indietro, / e a noi poveri alpini fanno male i piedi.
Non so perché / fanno male i piedi, / non so coni'è / si marcia male sui lastroni.
Festa del reggimento, rancio speciale, / ci danno la pasta asciutta senza il formaggio, / ci danno di quei uiamini che ci fanno star male / e noi domani marcheremo visita ...



Il brano molto diffuso subì nel tempo modifiche e ampliamenti e venne adattato anche da altri reparti:



1930



AL REGGIMENTO



Periodo:



Fascismo

Associazione Culturale Lorien - Archivio storico delle musica alternativa e identitaria italiana e straniera.
email: aclorien@lorien.it.

Utenti online