Archivio dei canti tradizionali e patriottici

 

Canzoni

A RITIRATE D''E MARINAI

Anno 1890
‘O cannone ‘e l’Arzenale spara
‘e nove ‘a miezzo’o mare,
se ne vanno ‘e marenare
belli figliò,
v’hanna lassà,
s’hanna cucca

Ma chi po’ cchiù durmì?
Ma chi po’ cchiù arrepusà?
‘E femmene so diavole,
e chi s’addorme ‘o scetano.
Tu pure oi Catari,
si peggio d’’o cafè,
‘o lieto è troppo caudo
e io penzo troppo a te!

Nun c'è che fa, so' troppo belle
sti brunattelle,
sti lucianelle...
Nun c'è che fa, so' troppo belle
marenarelle
l avimma fa!


Pigliale suonno l'ata notte
quase quase albante juorno,
qnanno'e galle attuorno attuorno
senteva fa:
chicherichì
cucuricù!

E 'nzuonno, Catarì,
te veco accumpari;
tu me dicive: Strigneme!
tu me dicive: Vasame!
Ma nun te pozzo dì
io che voleva fa...
Mannaggia l'amicizia
ca tengo cu papa!

Nun c'è che fa, so' troppo belle
sti brunattelle,
sti lucianelle...
Nun c'è che fa, so' troppo belle
marenarelle
l avimma fa!


Catari, penza ca 'o tiampo
passa dint'a nu momento,
ncopp a qualche bastimento,
Catarenè,
forze chi sa,
m'aggia mbarcà!

Almeno famme dì
ca nfama cchiù nun sì,
voglio na vota sentere
na voce toia simpateca
ca me dicesse: Oi ni!
Te voglio bene; si!
E pure'a vela mettere
vulesse,nnanze a te!

Nun c'è che fa, so' troppo belle
sti brunattelle,
sti lucianelle...
Nun c'è che fa, so' troppo belle
marenarelle
l avimma fa!
Autore - Salvatore di Giacomo- E. Di Capua

Associazione Culturale Lorien - Archivio storico delle musica alternativa e identitaria italiana e straniera.
email: aclorien@lorien.it.

Utenti online