Archivio storico della Musica Alternativa

 

Canzoni

LA DANZA DI PRAGA

Anno 1976 NUOVO CANTO POPOLARE
Testo e musica: Nuovo Canto Popolare
Nella più grande piazza di Praga
c'è una lapide e un mazzo di fiori
vi si ricorda una torcia umana
la primavera di mille cuori
Dicci come ci si sente amico delle fiamme
svegliarsi una mattina con un caffè ed un cannone
puntato sulla porta è la tua situazione

E allora piangendo cammini irreale
il tuo urlo fra le loro cingolate parole
e la lucida coscienza di finire male

E tutta l'altra gente si guarda stupita
disegna sui carri primavere con le dita
e piange il tramonto del proprio ideale
la lucida coscienza di finire male
la lucida coscienza di finire male

E c'è un pazzo perfino che si strappa con forza
una camicia ideale una camicia di forza
al suo piccolo cuore ribatte il cannone
il cannone puntato sulla sua situazione
il cannone puntato sulla sua situazione

E allora anche voi rimarrete stupiti
che tutti loro iniziarono a danzare
una danza di lotta, una danza più vera
era il ballo di Praga e della sua primavera
era il ballo di Praga e della sua primavera

E il tuo grido di lotta
è un pugno sul mento
per chi di fermarlo sarebbe contento
ed ora sei un uomo che con la vita paga
quel ballo silenzioso la danza di Praga
quel ballo silenzioso la danza di Praga

E i menefreghisti alzando il bicchiere
diranno giurando sul rosso del vino
che avevi sbagliato col fuoco a giocare
che a morir per l'idea eri stato un cretino
che a morir per l'idea eri stato un cretino

Ma la luce del fuoco non si estinse nel fumo
e noi stai sicuro mai ti scorderemo
e quando per gli altri sarà un'idea vaga
per noi sarà sempre la danza di Praga
e quando per gli altri sarà un'idea vaga
per noi sarà sempre la danza di Praga
per noi sarà sempre la danza di Praga
per noi sarà sempre la danza di Praga
per noi sarà sempre la danza di Praga

Associazione Culturale Lorien - Archivio storico delle musica alternativa e identitaria italiana e straniera.
email: aclorien@lorien.it.

Statistiche